Mirko Reccolani

Qual è la posizione giusta per dormire?

I consigli per riposare meglio

“ Io dormo tutto storto la notte “, “ Secondo me sbaglio posizione nel dormire “. Queste sono le frasi che vengono usate più frequentemente nel mio studio quando si parla del riposo notturno.

Partiamo dal fatto che non esiste la posizione ideale per dormire, e questo perché bisogna ragionare caso per caso. Ogni persona ha sicuramente uno stretto rapporto tra il suo vissuto e le posizioni che usa adottare durante le ore notturne.

Tante volte, queste posizioni, sono così radicate in noi che cambiarle può diventare davvero un compito molto difficile.

Per un riposo migliore, oltre ad adottare qualche piccolo accorgimento prima di andare a letto ( come ho specificato in un articolo precedente ), vale la pena stare anche molto attenti al modo in cui dormiamo, e controllare che vengano rispettate alcune condizioni, soprattutto quando abbiamo un sonno disturbato, ci svegliamo più volte per i dolori e la mattina, quando ci alziamo dal letto, siamo più dolenti di quando siamo andati a dormire.

Ovviamente, la posizione più ergonomica da assumere sarà strettamente collegata alla tipologia di dolore che una persona accusa sia nelle ore notturne e sia al risveglio. Per questo andrò ad analizzare caso per caso ogni singola tipologia di dolore, associandolo alla posizione fisiologicamente migliore per diminuirlo o addirittura farlo cessare.

Le posizioni ” ideali ” e quelle ” scomode “

posizione giusta per dormire

Nel caso di dolore lombare, evitare di addormentarsi a pancia sotto perché accentua il dolore alla bassa schiena e rende difficile il lavoro del muscolo diaframma e quindi la respirazione. Se proprio non se ne può fare a meno, dormire a pancia sotto togliendo il cuscino e ricercando una parziale rotazione sul fianco.

La posizione migliore rimane quella a pancia su oppure quella in decubito laterale.

Nel caso di dolore cervicale, la posizione consigliata è quella sul fianco o quella supina, purchè in entrambi i casi si utilizzi un cuscino idoneo.

Se si preferisce dormire a pancia in su, nei casi di curve cervicali molto accentuate è consigliabile dormire con un cuscino abbastanza alto, se la curva cervicale è poco accentuata il cuscino deve essere basso.

Questo serve a garantire sempre il mantenimento delle curve fisiologiche rachidee.

Se la posizione preferita è quella sul fianco, il cuscino deve essere alto, in modo tale da mantenere il giusto allineamento della testa e del collo con il resto del rachide e compensare la distanza che c’è tra la testa e le spalle.

Se si soffre di dorsalgia, invece, la posizione supina sicuramente non aiuta in quanto la parte dorsale risulta essere “ schiacciata “ sul materasso dalla forza di gravità, in questo caso potete dormire sul fianco ( stando sempre attenti alla scelta del cuscino in base alla curva cervicale ) oppure a pancia sotto con un cuscino basso abbastanza grande da arrivare fino allo sterno ma non oltre, garantendo così una adeguata funzione diaframmatica.

Infine, una menzione anche per le donne che affrontano una gravidanza e lamentano dolori alla schiena o episodi di reflusso gastroesofageo. La posizione ideale per dormire è quella sul fianco sinistro, con le ginocchia leggermente flesse. Inoltre consiglio, per garantire un buon sostegno alla colonna vertebrale, di posizionare un cuscino tra le gambe e uno a U ( i cuscini appositi per le gestanti ) dietro la schiena.

Facebook
Twitter
LinkedIn

Approfondisci

Articoli correlati

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file
(cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire
il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report
sull’utilizzo della navigazione (cookie di statistica) e per pubblicizzare
adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo
utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o
meno i cookie statistici e di profilazione
. Abilitando questi cookie, ci aiuti a
offrirti un’esperienza migliore
.